Studio Corsini
Omicidio stradale

Omicidio stradale e lesioni personali stradali

La Legge 41/2016 ha introdotto nel Codice Penale i nuovi reati di omicidio stradale (art. 589 bis) e lesioni personali stradali (art. 590 bis). Queste norme si applicano nei casi in cui l’evento morte o l’evento lesioni siano derivate dalla violazione delle norme del Codice della Strada. La pena base nel caso di omicidio stradale è quella che va dai 2 ai 7 anni di reclusione e può essere aggravata quando, ad esempio, il conducente del veicolo era in stato di ebbrezza alcolica o aveva assunto sostanze stupefacenti. In questo caso la pena va dagli 8 ai 12 anni di reclusione.
Ulteriormente aggravamento di pena è previsto in caso di fuga del conducente (art. 589 ter Codice Penale).
Per il reato di lesioni personali stradali la pena prevista dall’art. 590 bis va da 3 mesi ad un anno di reclusione se la lesione è grave, da 1 a 3 anni di reclusione se la lesione è gravissima.
Anche questa disposizione normativa prevede un aggravamento di pena qualora il conducente si sia posto alla guida in stato di ebbrezza alcolica o dopo aver fatto uso di sostanze stupefacenti (da 3 a 5 anni per le lesioni gravi e da 4 a 7 anni per le lesioni gravissime). Ulteriore aggravamento di pena è previsto in caso di fuga del conducente (art. 590 ter).
Nel caso di omicidio stradale o di lesioni personali stradali, con la sentenza di condanna o con la sentenza di patteggiamento, è disposta la revoca della patente.
Inoltre, in alcuni casi espressamente previsti dall’art. 222 co. 3 bis del Codice della Strada, l’interessato non può conseguire una nuova patente se prima non è decorso un determinato periodo di tempo. Ad esempio, se si tratta di omicidio stradale e il conducente era in stato di ebbrezza alcolica, la patente non può essere rinnovata se non sono passati 15 anni dalla revoca.

 

Ti serve un avvocato specializzato in omicidio stradale? Contattaci ora